Home – SUAP


La Giunta Regionale, con D.G.R. 1278 del 30 ottobre 2017, ha approvato alcune modifiche all’art. 28 del Piano di Tutela delle Acque della Regione Marche.
In particolare, il nuovo art. 28 dispone che gli scarichi delle acque reflue assimilate alle domestiche:
a) al di fuori della pubblica fognatura, restano assoggettati ad autorizzazione, ai sensi dell’art. 124, c. 1 del D.lgs 152/2006 e ad A.U.A. nei casi di applicazione delle disposizioni del D.P.R. 59/2013;
b) in pubblica fognatura sono ammessi, previa comunicazione presentata al SUAP, resa sotto forma di dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà e nel rispetto dei regolamenti del Servizio Idrico Integrato. In caso di attività che necessitano dell’A.U.A. per altri titoli ambientali di cui all’art 3, c. 1 del D.P.R. 59/2013 la dichiarazione per lo scarico deve essere ricompresa nell’AUA.
Restano invariati i criteri di assimilazione, definiti dal comma 5 dell’art. 28 Piano di Tutela delle Acque della Regione Marche.

link all'art. 28 come modificato dalla D.G.R. 1278 del 30 ottobre 2017

D.G.R.1278 del 30 ottobre 2017
 
Lo Sportello Unico per le Attività Produttive – SUAP è uno strumento di semplificazione amministrativa con il fine di snellire i rapporti tra Pubblica Amministrazione (P.A.) ed utenza.
 
Con l’entrata in vigore del nuovo DPR n. 160 del 7 settembre 2010  viene adottato il Regolamento per la semplificazione ed il riordino della disciplina sullo Sportello Unico per le Attività Produttive che stabilisce che ogni pratica deve essere presentata esclusivamente in modalità telematica e deve essere gestita telematicamente garantendo l’interoperabilità tra i vari soggetti pubblici.
 
A seguito dell'accredito al Ministero per lo Sviluppo Economico dei Comuni aderenti al SUAP di Chiaravalle, le pratiche inerenti le attività produttive comprese quelle riguardanti l'edilizia produttiva dovranno pervenire esclusivamente presso la sede del SUAP di Chiaravalle.
 
I Comuni aderenti al SUAP sono: Comune di Chiaravalle, Comune di Camerata Picena
 
L'unica modalità di trasmissione consentita all'invio delle pratiche è quella telematica pena l'inammissibilità della stessa.
 
Le pratiche dovranno essere firmate digitalmente e fatte pervenire utilizzando il servizio di presentazione online della pratica, accessibile dopo aver effettuato  la procedutra di Registrazione ed Accreditamento.
 
NEWS